Sport

Ciao Diego…

1 Mins read

Il 2020 si sta rivelando un anno pieno di sventure, dal coronavirus alla morte di vari personaggi dello sport e dello spettacolo, fino all’ultima notizia, quella che forse spezzerà il cuore a tutti gli appassionati di calcio e di sport, la scomparsa alquanto inaspettata del Dio del calcio Diego Armando Maradona, all’età di 60 anni.

Il cinema lo ha sempre omaggiato con film e cortometraggi. Oltre al cinema, la città di Napoli ha deciso di omaggiarlo con un piccolo altare in Via Spaccanapoli.

La sua salute fisica e mentale non era delle migliori, era da poco stato dimesso da un ospedale argentino nel quale era stato ricoverato per “depressione” e per un intervento al cervello. Inoltre ha dovuto combattere la dipendenza da cocaina.

Soprannominato “El Pibe de Oro“, è considerato uno dei calciatori più forti di tutti i tempi, se non il migliore in assoluto, un’icona della squadra di calcio del Napoli, della Nazionale Argentina e dello sport in generale.

Dopo aver concluso la sua carriera da calciatore con il Boca Juniors nel 1997, Maradona decide di intraprendere seriamente la carriera da allenatore allenando varie squadre.

Dal 2008 al 2010 Maradona allena la Nazionale Albiceleste, con la quale ottiene discreti successi e con la quale partecipa ai Mondiali di calcio in Sudafrica nel 2010.

Dal 2018 fino al 2019 allena i Dorados, squadra di calcio messicana. Le sue dimissioni nel 2019 sono dovute a motivi personali e di salute.

Dal 2019 al 2020 torna di nuovo ad allenare, questa volta in Argentina il Gimnasia La Plata, squadra di calcio militante nel massimo livello del campionato di calcio argentino.

Il contratto di Maradona con la sua ultima squadra allenata scadeva a dicembre 2021.

Il 25 novembre 2020, el Pibe de Oro muore a causa di una crisi cardio-respiratoria nella sua casa nella città di Tigre, in Argentina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *