Sport

La Juventus vince il Trofeo Luigi Berlusconi: battuto il Monza, 2-1

1 Mins read
Trofeo Berlusconi, Monza-Juventus 1-2 | Decidono Ranocchia e Kulusevski
Credits: Calciomercato.it

31/07/2021: esattamente ieri, la Juventus delle riserve e dei giovani, allenata da Massimiliano Allegri, ha battuto il Monza allenato da Giovanni Stroppa. Tra i bianconeri tante seconde linee ma il Monza ha giocato con determinazione e personalità. I big sono quasi tutti ai box.

In questa amichevole, il passato ha incontrato il presente: Adriano Galliani è stato amministratore delegato del Milan dal 1986 al 2018, ora ricopre questo ruolo nella società sportiva brianzola. Massimiliano Allegri invece ha allenato il Milan dal 2010 al 2014 per poi allenare la Juve dal 2014 al 2019. Dopo due anni “sabbatici” Allegri è tornato sulla panchina bianconera: Juve-Monza, una piccola connessione indiretta tra Juve e Milan.

Formazioni Juventus (4-3-3): Wojciech Szczęsny, Mattia De Sciglio, Matthijs de Ligt, Merih Demiral, Luca Pellegrini, Filippo Ranocchia, Aaron Ramsey, Adrien Rabiot, Matìas Soulè Malvano, Andrea Brighenti, Dejan Kulusevski. Allenatore: Massimiliano Allegri.

Formazioni Monza (3-5-2): Michele Di Gregorio, Mario Sampirsi, Giuseppe Bellusci, Luca Caldirola, Pedro Pereira, Marco Brescianini, Pepín, Antonino Barillà, Carlos Augusto, Marco D’Alessandro, Christian Gytkjær. Allenatore: Giovanni Stroppa.

Monza subito pericoloso con Brescianini che approfitta di una dormita di De Ligt  e appoggiato per Gytkjær che ha impegnato Szczęsny con un diagonale. Al 13′ la Juve è passata in vantaggio con un bellissimo gol di Ranocchia: un bel tiro a giro dal limite sul secondo palo. Al 53′ è arrivato il gol del 2 a 0 con Dejan Kulusevski, che ha approfittato di un errore difensivo del Monza. All’87’ arriva il gol del Monza con il tap in di Marco D’Alessandro, dopo una bella azione e la sponda di testa di Andrea Colpani (1′ st. Brescianini).

Nonostante sia stata un’amichevole, la Juventus ha dimostrato determinazione e professionalità. Una nuova Juve che nasce dall’esperienza e dalla consapevolezza di una vecchia conoscenza del mondo bianconero, Massimiliano Allegri.

Da segnalare la presenza di Soulè, un generatore di azioni pericolose per gli avversari, un Dejan Kulusevski in costante crescita e Filippo Ranocchia, autore di un bellissimo gol: un buon auspicio per il futuro bianconero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *