Cultura

“Luca”: un film all’italiana

3 Mins read
Luca, il primo videoclip del film Pixar
Credits: Sky TG24

Pochi film recenti ci fanno riflettere sull’importanza di valori come l’amicizia e l’altruismo, il rispetto dell’ambiente e la difesa della fauna ittica.

Uno di questi è il nuovo film della Disney Pixar “Luca”, diretto da Enrico Casarosa, uscito il 16 giugno 2021.

Questo nuovo film della Disney Pixar è ambientato a cavallo tra gli anni ’50 e ’60 nel paese immaginario di Portorosso, che ricorda molto Vernazza, piccolo comune in provincia della Spezia in Liguria, appartenente alle Cinque Terre.

Trama:

Luca Paguro è un mostro marino pre-adolescente che vive nel fondale marino del Mar Ligure, vicino alla città di Portorosso. Trascorre la sua maggior parte del tempo allevando banchi di pesci e aiutando la sua famiglia nella gestione di una fattoria marina di famiglia. I suoi genitori, Daniela e Lorenzo, per paura che il loro figlio potesse essere ucciso, gli impediscono di salire in superficie ma questa restrizione finisce per incuriosire Luca a scoprire il mondo fuori dall’acqua: il classico spirito di contraddizione degli adolescenti.

Un giorno, nel dubbio se restare in acqua o salire in superficie, Luca incontra Alberto Scorfano, anche lui un mostro marino pre-adolescente dallo spirito libero, espressivo e socievole, che ama divertirsi ed esplorare il mondo degli umani: tra i due nasce subito una buona amicizia.

I genitori di Luca però scoprono che il loro figlio è in superficie e decidono di mandarlo dallo zio Ugo, che abita nelle parti più profonde dell’oceano. Luca, sconvolto, decide di scappare in superficie con Alberto per recarsi a Portorosso, dove presto attirano l’attenzione del bullo locale, Ercole Visconti, pluricampione della Portorosso Cup, una gara che consiste in tre sfide: nuotare, mangiare il prima possibile un piatto di pasta e andare in bicicletta per le vie del borgo. Ercole va in giro con la sua Vespa rossa e i suoi seguaci, Ciccio e Guido che sono sempre ai suoi ordini: Ercole crede che tutto il paese di Portorosso lo ami e lo ammiri mentre mangia panini.

Proprio mentre Ercole sta per immergere la testa di Luca in una fontana, i due ragazzi vengono difesi e salvati da Giulia Marcovaldo, una ragazza figlia di un pescatore locale, una avventuriera estroversa, amante dei libri e dell’apprendimento, scettica sull’esistenza dei mostri marini.

I tre ragazzi decidono quindi di aiutarsi a vicenda e decidono di partecipare alla Portorosso Cup per vincere una Vespa, sfidando il team di Ercole Visconti. Nel frattempo, Daniela e Lorenzo non riescono a trovare Luca da nessuna parte, così decidono di risalire in superficie per cercarlo. Mentre sono lì, iniziano a spruzzare acqua su alcuni bambini per trovare Luca, in quanto per una sorta di incantesimo Luca si trasformava in un mostro marino quando era a contatto con l’acqua.

Luca: recensione del film d'animazione Disney-Pixar - Cinematographe.it
Una scena del film
Credits: Cinematographe.it

Quando Giulia manifesta l’intenzione di andare a scuola a Genova dove risiede con la madre, dato che trascorre solamente l’estate a Portorosso con suo padre, Luca inizia ad interessarsi sull’argomento. Alberto, geloso, fa cadere in mare aperto lui e Luca. Usciti dall’acqua, dopo una discussione, Alberto rivela la sua identità a Giulia appena Luca dice di volere andare a scuola con lei. Allora Ercole attacca Alberto insieme ai suoi compari, ma Luca rimane in silenzio riguardo la sua vera identità. Sentendosi tradito, Alberto si ritira nel suo nascondiglio. Successivamente Giulia scopre che anche Luca è un mostro marino, ma ne rimane sorpresa e preoccupata per paura che qualcuno lo possa ferire. Luca ritrova Alberto nel suo rifugio, che gli rivela che ha vissuto da solo da quando il padre lo ha abbandonato.

Luca decide di gareggiare insieme a Giulia in nome della loro amicizia, riuscendo a riallacciare i rapporti.

A un certo punto inizia a piovere e Luca cerca di evitare di trasformarsi in un mostro marino indossando uno scolapasta. Quando Alberto cerca di aiutare Luca, si trasforma ed Ercole gli tira addosso una rete. Anche sapendo che il suo segreto verrebbe svelato, Luca corre sotto la pioggia per salvare l’amico. Giulia colpisce Ercole per impedirgli di ferirli, ma finisce per farsi male. Luca e Alberto la riportano in città. Quando arrivano, Ercole cerca di uccidere Luca con una lancia, ma Luca lo respinge difendendosi. Tutta la città di Portorosso vede che i mostri marini non sono poi così pericolosi.

Luca si riunisce con i genitori, così festeggiano a casa di Giulia. Alberto rivela in seguito di aver venduto la Vespa che lui e Luca hanno vinto nella gara per comprare un biglietto a Luca in modo che possa andare a scuola con Giulia. Il film si conclude con la famiglia di Luca, il papà di Giulia e Alberto che vedono Luca e Giulia andar via dalla stazione ferroviaria.

L’italianità del film è accentuata da scene di quotidianità vissuta nell’atmosfera dei piccoli paesi della Liguria e dall’utilizzo come musiche di sottofondo di due brani di Gianni Morandi e uno di Edoardo Bennato. I fatti non sono di poco conto perché il film è distribuito in tutto il mondo da una multinazionale come la Disney Pixar.

Questo film rappresenta non solo il modo di pensare degli adolescenti, ma anche la coscienza del Paese, attento ai problemi dell’ambiente e a quelli delle categorie più fragili della popolazione.

Tutti gli adolescenti hanno il desiderio di cambiare il mondo: questo film è un buon auspicio per realizzare i sogni delle nuove generazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *