Sport

Valentino Rossi annuncia il ritiro: si chiude un capitolo della storia della MotoGP

1 Mins read
Si chiude un'era: Valentino Rossi si ritira - RSI Radiotelevisione svizzera
Credits: RSI

5 agosto 2021: una data che rimarrà nella storia della MotoGP, massima categoria di moto da corsa su circuito. Resterà per sempre il giorno in cui Valentino Rossi, nove volte Campione del Mondo, ha annunciato il ritiro.

Il primo riferimento per coloro che seguono la MotoGP è proprio lui: l’iconico numero 46, Valentino Rossi, soprannominato The Doctor, uno diverso da tutti capace di conservare un lato goliardico da adolescente.

Valentino Rossi non sarà al via della MotoGP 2022: a dare l’annuncio del ritiro, in una conferenza speciale, è stato lo stesso pilota, che dirà basta con le corse motociclistiche a fine stagione. Una notizia attesa, ma che ha comunque lasciato il segno nei piloti della classe regina.

 Il Dottore ha ridefinito il concetto di vittoria, dopo un dominio incontrastato per decenni. Una carriera tirannica, che ha fagocitato tutti da Biaggi a Stoner, e che ora ha solo un comandamento: esserci, anche a nove gare dal ritiro. Per strappare emozioni e applausi, e rimanere Valentino anche una volta sceso dalla moto.

Gli anni sono 42: l’età e il tempo che scorre iniziano a farsi sentire. Ha deciso di ritirarsi consapevolmente e di dare vita a nuovi interessi.

Le parole: “Ho deciso di fermarmi a fine stagione. Decisione difficile, dura immaginare che non correrò più e la mia vita cambierà. Il futuro? Adoro le auto, io sarò per sempre un pilota, ma non ho preso una decisione precisa. È dura prendere questa decisione, avrei voluto correre per altri 25 anni ma è arrivato il momento di dire basta. Purtroppo, quindi, questa sarà l’ultima metà stagione come pilota MotoGP”. Poi ha sottolineato: “È un momento triste e difficile, dire che l’anno prossimo non correrò con una moto. Ho fatto questo per quasi 30 anni e l’anno prossimo la mia vita cambierà da un certo punto di vista. Ma è stato grandioso e mi sono divertito tantissimo. È stato un percorso lungo e molto divertente, con momenti indimenticabili con tutto il mio team e i ragazzi che lavorano con me”.

423 gare, 115 vittorie, 235 podi, 9 mondiali e lotte su lotte contro i più grandi motociclisti. La storia di VR46 è diventata leggenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *